Componenti ad azione sub acuta

Non si tratta di sostanze anticoagulanti bensì di componenti con diverse modalità di azione. Non agiscono molto velocemente ma con un certo ritardo, fino a qualche giorno.

La brometalina è stata sviluppata negli anni '70. Si tratta di un rodenticida a somministrazione singola, registrato per l'uso negli Stati Uniti, dove il suo impiego è limitato a stazioni con esca negli edifici e intorno ad essi per il controllo dei roditori commensali. Negli anni '70, la brometalina è stata valutata per l'uso in Europa; tuttavia, a causa di aspetti preoccupanti riguardanti l'uomo, il fascicolo non è stato presentato e la brometalina non è registrata in Europa. La brometalina è una sostanza neurotossica. L'uso di questa sostanza è in aumento negli Stati Uniti a causa della recente rimozione dei anticoagulanti di seconda generazione dal mercato amatoriale.

Il colecalciferolo (vitamina D3) è stato sviluppato come rodenticida negli anni '70. Ha un rischio relativamente basso di avvelenamento secondario e bassa tossicità per gli uccelli. In Nuova Zelanda, è registrato nelle esche allo 0,4 e 0,8% e negli Stati Uniti allo 0,075%. In Europa, il Colecalciferolo è approvato per l'uso in prodotti rodenticidi fino ad una concentrazione di 0.075% (autorizzato secondo il BPR nel 2019).  Il lasso di tempo che conduce alla morte è simile a quello per gli anticoagulanti e solitamente si aggira attorno ai 3-7 giorni dall'assunzione della dose letale. Per diventare attivo sotto il profilo biologico e tossicologico, il colecalciferolo deve essere sottoposto a conversione metabolica per passare a 25-idrossicolecalciferolo. Quest'ultimo metabolita è la forma biologicamente più attiva della vitamina D3 che può causare la calcificazione dei vasi sanguigni e morte per insufficienza cardiaca. Basse dosi di colecalciferolo sono state aggiunte a esche contenenti anticoagulante per aumentarne l'efficacia. Vi è qualche prova secondo cui basse dosi di colecalciferolo aggiunto agli anticoagulanti come il cumatetralil possono aumentare significativamente l'efficacia degli Anticoagulanti Rodenticidi di Prima Generazione (ARPG) nei ratti norvegesi resistenti.