Anticoagulanti di seconda generazione

Tutti i rodenticidi anticoagulanti hanno la stessa modalità di azione, ovvero interferiscono con la sintesi dei fattori della coagulazione, provocando emorragia e morte. Nelle cellule del fegato, l'epossido della vitamina K1-2,3 biologicamente inattivo è ridotto a vitamina K biologicamente attiva da un enzima microsomiale, che è essenziale per la sintesi della protrombina e di altri fattori della coagulazione. I rodenticidi anticoagulanti antagonizzano l'enzima vitamina K1-epossido reduttasi nel fegato causando un progressivo esaurimento della vitamina e, di conseguenza, dei fattori della coagulazione che dipendono dalla vitamina K. Questo provoca un aumento del tempo di coagulazione del sangue fino al punto in cui il meccanismo di coagulazione ha esito negativo. L'uso principale di anticoagulanti in tutto il mondo è stato per il controllo dei roditori commensali, principalmente ratti norvegesi, ratti neri e topi domestici. Nel mercato sono stati introdotti circa dieci rodenticidi anticoagulanti. Alcuni verrano esaminati qui di seguito per illustrarne leproprietà. Un certo numero di questi è stato registrato per il controllo dei roditori commensali.

Gli anticoagulanti di seconda generazione hanno una tossicità maggiore dei rodenticidi anticoagulanti di prima generazione. La loro maggior potenza è legata alla maggiore affinità che presentano per la vitamina K-epossido reduttasi. Il bromadiolone e il difenacoum sono stati i primi composti di seconda generazione introdotti nel mercato. I tre anticoagulanti più potenti sono il brodifacoum, il flocoumafen e il difethialone.

Non è nota alcuna resistenza reale ai tre anticoagulanti più potenti di seconda generazione nei ratti norvegesi e nei topi domestici.

Il bromadiolone ha effetti chimici e biologici simili a quelli del difenacoum. Tuttavia, è in qualche modo meno potente del brodifacoum, del difetialone e del flocoumafen. Come il difenacoum, è stato sviluppato ed immesso sul mercato negli anni '70. Nonostante il bromadiolone appartenga agli anticoagulanti di seconda generazione, si sono incontrati problemi  di resistenza in alcune popolazioni di roditori, ma tale sostanza è comunque efficace per alcuni ceppi di roditori che sono diventati resistenti ad altri rodenticidi anticoagulanti di prima generazione.

Il difenacoum fu introdotto anche per debellare i primi ceppi di roditori resistenti riscontrati nel Regno Unito e nell'Europa continentale. È raro tra gli anticoagulanti perché, a livello di LD50, è più potente per i topi domestici che per i ratti norvegesi. Come è accaduto per il bromadiolone, è stata riscontrata qualche resistenza al difenacoum in alcuni ceppi di ratti e topi.

Il brodifacoum si differenzia dagli anticoagulanti di prima generazione e da quelli di seconda generazione sopra citati per il fatto di essere molto potente e di richiedere solo una sola ingestione per indurre la morte, nel caso in cui la quantità ingerita sia sufficientemente letale. Gli anticoagulanti di seconda generazione come il brodifacoum hanno un ruolo importante nel controllo di ratti e topi che hanno sviluppato una resistenza agli anticoagulanti di prima generazione e al bromadiolone e difenacoum. In America è diventato noto per il suo ruolo nella eradicazione dei roditori dai santuari nell'ambiente selvaggio dell'isola. L'utilizzo sul campo degli anticoagulanti di seconda generazione ha avuto come conseguenza la contaminazione dell'ambiente naturale.

Il flocoumafen e il brodifacoum sono simili in termini di composizione chimica, attività biologica ed efficacia, persistenza e rischio di avvelenamento secondario. Il flocoumafen è un anticoagulante di seconda generazione sviluppato nei primi anni '80. Il flocoumafen è stato impiegato per combattere una vasta gamma di infestazioni di roditori, comprese le principali specie commensali. È anche efficace contro i roditori che sono divenuti resistenti ad altri rodenticidi anticoagulanti.

Il difethialone: Diversamente dal brodifacoum, che contiene il bromo nella propria molecola, e dal flocoumafen, che contiene fluoro, il difetialone contiene un atomo di zolfo. L'efficacia del difetialone è molto simile ad entrambi i composti.