Indagine

È essenziale che, prima dell'applicazione di qualsiasi controllo pratico e programma di gestione, venga identificata e compresa l'intera portata e vastità dell'infestazione che deve essere trattata. Uno dei motivi più comuni del fallimento dei trattamenti e lungaggini nei tempi di trattamento, è la sottovalutazione della portata e intensità della zona infestata a seguito di un'indagine inadeguata. Sottovalutare l'entità dell'infestazione porterà ad inadeguate misure di controllo. Questo errore può quindi essere interpretato come resistenza agli anticoagulanti. L'obiettivo dell'indagine iniziale è quello di identificare le specie da trattare, i modelli tridimensionali delle attività, il rifugio utilizzati, le fonti di cibo, i rischi di incappare in animali non-bersaglio e siti appropriati per l'applicazione sicura ed efficace delle misure di controllo.

Un'indagine efficace richiede che la persona incaricata possieda abilità pratiche e d'osservazione, e che sia in grado di identificare i modelli di attività del roditore, spesso senza mai vedere un esemplare dal vivo, dai segni e dalle tracce che lascia il roditore dietro di sé. Quando viene intrapresa l'indagine, l'esperto cercherà tracce di attività che i roditori hanno lasciato. Queste includeranno escrementi, impronte, tracce di coda, materiali danneggiati, rosicchiature, macchie di urina e conformazioni di urina (topi domestici), tane e buchi e persino l'odore possono essere indicativi delle attività dei roditori.

Allo stesso tempo, man mano che si cercano segni di attività del roditore, l'osservatore identificherà le ragioni per cui la zona è infestata, ed i componenti dell'habitat che potrebbero aver bisogno di essere gestiti come parte del programma di controllo, per ridurre la capacità portante dell'ambiente. Tale gestione non solo aiuterà il controllo, ma ridurrà anche le opportunità di reinfestazione dopo aver completato il programma di controllo.

La qualità dell'indagine è la base su cui dipenderà il resto della strategia di controllo e deve essere eseguita accuratamente, da personale addestrato e competente, che abbia il tempo di intraprendere l'indagine secondo gli standard richiesti.

Nuove tecnologie di indagine, che comprendono anche opzioni di controllo fisico, sono basate sull'elettronica e su tecnologie informatiche. Trappole e rilevatori di movimento, dotati delle rispettive tecniche, possono comunicare con il computer e i dispositivi mobili del tecnico che gestisce l'infestazione, consentendo il monitoraggio costante a distanza. Se configurati con una certa esperienza, tali dispositivi sono strumenti molto efficienti ed affidabili per la rilevazione permanente di roditori, compresa la documentazione trasparente. Essi possono anche essere utilizzati per il controllo delle infestazioni piccole o incipienti, ad esempio quando i roditori si stanno avvicinando ad una proprietà protetta, come le unità di produzione alimentare. Dal momento che questo segmento della gestione professionale della disinfestazione ha appena iniziato a svilupparsi, una più ampia varietà di soluzioni efficienti per la rilevazione, il monitoraggio e il controllo fisico potrà essere proposta sul mercato nel prossimo futuro.