Controllo efficace dei roditori

Innanzitutto, è essenziale condurre operazioni di controllo delle infestazioni di roditori seguendo le guide di buona pratica ampiamente disponibili (si veda inoltre Gestione integrata per la derattizzazione). Solo seguendo la guida per una buona pratica e le raccomandazioni per l'uso indicate sulle etichette dei prodotti le applicazioni dei rodenticidi saranno pienamente efficaci. Tali applicazioni sono quelle che con minor probabilità promuoveranno lo sviluppo della resistenza.

Soprattutto quando sono utilizzati gli anticoagulanti, è importante rimuovere tutti i roditori da un sito infestato. Questo perché è probabile che i roditori che sopravvivono nell'ultima parte del trattamenti sono quelli che sono intrinsecamente meno suscettibili agli anticoagulanti o possono anche essere quelli fisiologicamente resistenti al principio attivo in uso. Di conseguenza, questi sono gli individui più importanti da rimuovere al fine di prevenire lo sviluppo della resistenza, anche se spesso sono i più difficili.

Tutte le tracce di esche rodenticide dovrebbero essere rimosse alla fine delle operazioni di adescamento. Lasciare piccoli residui di esca sul posto farebbe in modo che gli individui suscettibili soccomberebbero se le trovassero e consumassero, ma altri, più tolleranti o resistenti, non lo farebbero. Gli anticoagulanti non dovrebbero essere utilizzati ordinariamente come esche permanenti. Queste applicazioni vengono generalmente fornite, e le esche reintegrate, a intervalli di quattro, sei o otto settimane. Pertanto è inevitabile che, occasionalmente, i roditori incontrino stazioni con esche contenenti solo limitate quantità di esca. I più sensibili rischiano di soccombere in tali circostanze, mentre i meno suscettibili sopravviveranno e si riprodurranno. L'adescamento permanente dovrebbe avvenire solo in presenza di un rischio diretto e immediato di immigrazione di roditori e le stazioni permanenti con esche dovrebbero essere visitate frequentemente per assicurare che non esauriscano le esche.

La resistenza agli anticoagulanti di seconda generazione comprende anche la resistenza agli anticoagulanti di prima generazione nei ratti e nei topi. L'uso dei composti di prima generazione per controllare le popolazioni già contenenti una percentuale di individui resistenti, per esempio nelle zone di resistenza del ratto norvegese e del topo domestico, favorirebbe la sopravvivenza di individui che sono resistenti agli anticoagulanti, aumentando così la frequenza del gene di resistenza nella popolazione. Tuttavia, gli anticoagulanti di prima generazione presentano i noti benefici ambientali di essere tossici in modo meno acuto per gli animali non bersaglio e di essere meno persistenti nei corpi degli animali non bersaglio, e nell'ambiente in generale, avendo quindi meno probabilità di causare avvelenamento secondario. In particolare per il controllo dei ratti norvegesi all'esterno di noti focolai di resistenza, è quindi consigliato l'uso di tali composti. Anche se applicati all'interno, è alta la probabilità che i ratti avvelenati rimangano all'aperto, generando un certo rischio di avvelenamento secondario per predatori e rapaci. Se non sono richiesti gli importanti vantaggi ambientali di questo gruppo di anticoagulanti, in particolare per il controllo delle infestazioni di topo domestico che sono confinate in luoghi chiusi, avendo subito la pressione del controllo per lunghi periodi, è necessario considerare attentamente l'uso di uno degli anticoagulanti di seconda generazione più potenti o di un non-anticoagulante per evitare la selezione di topi resistenti agli anticoagulanti.