Contesto

La resistenza agli anticoagulanti è oramai radicata nelle popolazioni di ratti e topi in molti paesi. Infatti, in alcuni paesi europei sono presenti parecchie mutazioni diverse di resistenza (SNP) in entrambe le specie e a volte sono ampiamente distribuite (si veda inoltre Mappe della resistenza). Ciò significa che coloro che effettuano la gestione delle infestazioni di roditori in questi paesi incontrano frequentemente infestazioni di roditori resistente in alcune zone e sono tenuti a trattarli in modo efficace. Solo se tutto ciò viene fatto in modo corretto e da una maggioranza di professionisti verrà ridimensionata la diffusione della resistenza. Al contrario, se ciò non viene fatto, la resistenza continuerà a diffondersi, diventando più seria.

È importante notare che la resistenza nel ratto norvegese, nella maggior parte dei casi, è limitata a determinate aree di resistenza o fuochi di resistenza, dove è alta la probabilità che vi siano ratti di un certo ceppo resistente, in particolare in ambienti in cui tali ratti si sono adattati, ad esempio in relazione a determinati sistemi agricoli. In alcuni paesi, queste aree di resistenza sono ben note (si veda anche Test sulla resistenza e Mappe della resistenza). Al contrario, la comparsa di topi domestici resistenti non è legata ad aree conosciute. Nella maggior parte dei casi noti finora, la distribuzione di un ceppo resistente del topo domestico è collegata al trasporto di merci e alla storia di controllo nei rispettivi luoghi. Pertanto, l'unico modo per valutare la probabilità della presenza di topi resistenti è eseguire test sulla resistenza.

Le azioni più importanti da intraprendere nei focolai di resistenza per prevenirne la diffusione sono:

  1. interrompere l'utilizzo di anticoagulanti verso i quali si è sviluppata la resistenza e,
  2. applicare interventi di controllo alternativi efficaci, compresa l'applicazione di anticoagulanti verso i quali non si è sviluppata la resistenza.